Lavoroturismo.it

A4.4. Precedenze nel servizio

Seguire le norme relative alla buona educazione è importante per chiunque,ma lo è ancora di più per coloro che svolgono una professione caratterizzata dal contatto con persone. Servire alcuni ospiti prima e altri dopo, rientra in quel contesto di galateo di servizio che un professionista deve obbligatoriamente far proprio.

PrecedenzaNella nostra società, in cui si persegue la parità di diritti, doveri e opportunità, molte “buone maniere” hanno ceduto il passo alla standardizzazione del trattamento nei rapporti con le persone, e talvolta il servizio è diventato freddo, informale, impersonale: proprio l’esatto
contrario
di ciò che dovrebbe essere.
L’argomento è complesso, in quanto vi sono pasti informali nei quali l’etichetta è seguita in modo meno ferreo (per esempio un sacerdote può dare indicazioni di servire prima le signore), e pasti ufficiali nei quali vige un rigido protocollo, che varia in base all’evento, in particolare in occasione di incontri diplomatici. In quest’ultimo caso le precedenze sono stabilite da responsabili di servizio e organizzatori neiminimi dettagli.
In generale occorre dare sempre la precedenza alle persone festeggiate, agli ospiti, ai membri del clero, alle donne, alle persone più autorevoli e a quelle più anziane.
È importante ricordare che chi offre il pasto, colui che organizza la cena, viene sempre servito dopo i suoi invitati; nel caso si tratti di una signora, prima si serviranno tutte le altre signore, poi la signora organizzatrice, infine gli uomini.

Esempi di precedenza

Ordine delle precedenze

Un’annotazione particolare la meritano i bambini, ai quali non spettano precedenze nel servizio, però con il loro comportamento possono condizionare negativamente lo svolgimento e il gradimento del pasto da parte degli adulti. Ai bambini va quindi dedicata la massima attenzione, nell’interesse sia dei clienti che desiderano gustare i cibi e trascorrere
un piacevole momento a tavola, sia del ristoratore che avrà invogliato i clienti a tornare. Il responsabile analizzerà la situazione e cercherà di fare in modo che i bambini siano serviti subito o in tempi rapidissimi, in particolare in caso di bambini molto piccoli o irrequieti.
Non è sempre semplice capire chi servire prima e chi dopo, ed è qui che subentra anche la sensibilità del cameriere, che in ogni occasione valuterà il giusto equilibrio di quel complesso di relazioni che determinano le precedenze.