Lavoroturismo.it

B3.5.1. Accoglienza

AccoglienzaSituazione

I clienti entrano nel locale.

Cosa fare

Questo è il momento in cui i clienti entrano in contatto con il locale e il personale. È importante fare un’ottima impressione, in modo da predisporli favorevolmente.
Questa fase può condizionare il successo o meno del pasto e del soggiorno nel ristorante.

Sviluppo della fase

  1. Salutare i clienti sorridendo; se hanno abiti da depositare nel guardaroba, invitarli a deporli e aiutarli.
    "Buon giorno, Signori, benvenuti nel nostro ristorante."
    "Buona sera Signor Rossi, è un piacere rivederla."
  2. Chiedere se hanno prenotato, quante persone sono, se hanno desideri particolari per il tavolo.
    "I Signori hanno prenotato? Hanno esigenze particolari per il tavolo? Preferiscono un tavolo all’interno o in giardino?"
    La forma di rispetto prevede l’uso, quando ci si rivolge a un cliente, della terza persona singolare, e della terza persona plurale con più clienti. Rivolgersi a più ospiti usando la seconda persona plurale (Avete prenotato?), equivarrebbe a dare del tu.
  3. Offrire, in base a disponibilità e richieste, uno o più tavoli.
    "Preferiscono accomodarsi a questo tavolo, vicino alla finestra con veduta sul lago, o gradiscono un tavolo più appartato?"
    "Posso offrire loro un tavolo nella saletta superiore oppure uno in giardino; quello nella saletta è tranquillo e riservato, l’altro è nel nostro splendido giardino, anche se in posizione un po’ più rumorosa. Quale preferiscono?"
    Se non ci fossero tavoli liberi, si informano i clienti del tempo di attesa approssimativo per un tavolo, e se è presente una saletta apposita o un bar li si invita ad accomodarsi, offrendo loro un aperitivo e uno stuzzichino. Se i clienti non volessero attendere, li si ringrazia per la preferenza, invitandoli a tornare in un’altra occasione.
  4. Fare accomodare i clienti.
    "Prego, Signori, (mi seguano)."
    I camerieri fanno accomodare prima le signore poi, nei limiti del possibile, i signori, spostando le sedie e accostandole mentre le persone si siedono.

Scelta del tavolo

La scelta del tavolo non è sempre lasciata al cliente, si deve lasciare scegliere il cliente solo tra i tavoli che reputiamo utili al numero di persone da far accomodare ed al servizio successivo:
Esempio:
Se dobbiamo far accomodare 2 persone
1 cercheremo di non farle accomodare in un tavolo apparecchiato per 4
2 cercheremo di non farli accomodare in tavoli che possono essere uniti ad altri tavoli per far accomodare eventuali compagnie che possono sopraggiungere.

Andrea Goldin