Lavoroturismo.it

acqua

perchè la maggior parte degli addetti ai lavori,nel servizio bar ristorante,al momento del servizio beverage chiede ancora "acqua naturale o gassata?"

tutte le acque sono naturali

quella che erroneamente si definisce naturale andrebbe chiamata "liscia o piatta"

 Le acque bicarbonate

 Le acque bicarbonate rappresentano il tipo di acqua più presente in natura. In genere le acque bicarbonate si catalogano in base alla presenza di altri minerali in soluzione, che ne condizionano fortemente l'uso nelle terapie termali. Se, dal punto di vista della composizione chimica, le acque bicarbonate sono infatti caratterizzate dalla presenza di anidride carbonica, acido carbonico e bicarbonati, esse si dividono poi in sodiche, calciche e miste, a seconda del tipo di minerale presente in soluzione. Le acque bicarbonate sono del tipo alcalino (che in chimica è il contrario di acido) se è presente del sodio (sottoforma di bicarbonato di sodio); se invece nella sua composizione chimica prevalgono il calcio ed il magnesio, le acque bicarbonate diventano alcalino-terrose.  Molti studi sulle acque bicarbonate hanno evidenziato la possibilità di utilizzare con profitto questo tipo di acque per combattere molte patologie a carico dell'apparato digerente. L'azione fisiologica sullo stomaco consiste soprattutto nella dissoluzione del muco e nella stimolazione della contrattività dell'organo. Questo significa che le acque bicarbonate sono indicate in caso di disturbi gastrointestinali e per neutralizzare l'acidità gastrica: bevute durante i pasti hanno l'effetto di accelerare lo svuotamento gastrico, mentre lontano dai pasti, o a digiuno, tamponano la cosiddetta acidità di stomaco. Come per tutte le acque oligominerali, quelle bicarbonate oligominerali vengono utilizzate nei problemi relativi alla diuresi. A livello dell'apparato epatobiliare, le acque bicarbonate esercitano numerose azioni sulla funzionalità epatica e sulla produzione della bile.Sono in corso di studio il potenziale ruolo dietetico e terapeutico delle acque bicarbonate, soprattutto in ambito nutrizionale nipiologico (crescita e sviluppo dei neonati), nella dieta dello sportivo, negli stati ipertensivi ed anche nell'osteoporosi. Alcuni studi sembrano evidenziare l'utilità di questo tipo di acque nella dieta dei lattanti, per contrastare il vomito persistente e per integrare la delicata alimentazione dei primi mesi di vita. Riguardo agli sportivi, questo tipo di acque sembra determinare, durante l'esercizio muscolare, modificazioni in senso positivo della risposta degli apparati cardio-circolatorio e respiratorio e, inoltre, sembra in grado di neutralizzare la produzione eccessiva di acido lattico.Potenzialmente le acque bicarbonate a basso contenuto di sodio possono essere utilizzate come possibili coadiuvanti negli stati ipertensivi, anche se circa questa possibilità si attendono ancora risultati esplicativi. Riguardo al contrastato problema dell'assunzione di calcio tramite acqua minerale calcica, allo stato attuale gli studi effettuati spingono nella direzione di non considerare l'acqua, seppure con un tenore di calcio superiore a 150 mg/l, come sorgente alimentare di calcio. Sebbene il calcio aiuti a prevenire l’osteoporosi e l'assimibilità di questo minerale dipenda dalla cosiddetta biodisponibilità di ciascun tipo di alimento, la bassissima quantità di minerale ingerito tramite bibita non è assolutamente sufficiente a guarire, nel breve periodo, problemi relativi ad una grave carenza di calcio o addirittura dall'osteoporosi.E' utile invece utilizzare acqua bicarbonato calcica per prevenire nel lungo periodo, e sempre insieme ad altri accorgimenti, problemi di questo tipo. Ricordiamo che le terapie effettuate alle terme relative all'assunzione di bibite bicarbonate (come per tutte le altre terapie idropiniche), sono davvero efficaci se le acque vengono assunte alla fonte, mentre diminuiscono la loro efficacia mano a mano che, tramite imbottigliamento, stoccaggio, trasporto, riapertura della bottiglia, ci allontaniamo fisicamente e temporalmente dallo sgorgare dell'acqua dalla sorgente termale. Anche l'acqua in bottiglia ha la sua scadenza!

Classificazione delle acque minerali in base al maggior contenut

 

—Acque bicarbonate - bicarbonato > 600 mg/l.
Comprendono anche le acque caratterizzate da una prevalenza di bicarbonato rispetto ad altre sostanze; hanno un’azione diuretica e spasmolitica e vengono utilizzate nei disturbi a livello epatobiliare e nelle cistiti croniche.
—Acque solfate - solfati > 200 mg/l.
Hanno un
leggero effetto lassativo, un’azione rilassante a livello della muscolatura biliare ed equilibrante a livello epatico.
—Acque clorurate - prevalenza di cloro e sodio,Cloruro>200 mg/l.
Favoriscono un buon funzionamento intestinale perché hanno una composizione simile a quella dei liquidi organici.
—"indicata per le diete povere di sodio", se il tenore di sodio e' inferiore a 20 mg/l;
 
—Acque magnesiache - magnesio > 50 mg/l.
Hanno
un’azione lassativa e vasodilatativa.
—Acque calciche - calcio > 150 mg/l.
Hanno
effetti benefici a livello dell’apparato digerente e sono utilizzate a scopo preventivo sia nei confronti dell’ipertensione che dell’osteoporosi.
—Acque fluorate - fluoro > 1 mg/l.
Sono utili nel trattamento preventivo della carie e dell’osteoporosi.
—Acque ferruginose - ferro > 1 mg/l
Possono essere utili nel caso di carenza di ferro, insieme ad una alimentazione adeguata.
—Acque sodiche - sodio > 200 mg/l.
Favoriscono l’eccitabilità neuro-muscolare e sono da evitare in caso di ipertensione

Residuo Fisso

 

La classificazione delle acque minerali avviene in base al cosiddetto Residuo fisso a 180° che rappresenta la quantità in grammi di sali disciolti in acqua, ottenuta dopo l’evaporazione di un litro d’acqua alla temperatura di 180°.

In funzione del residuo, espresso in mg/l, le acque minerali si distinguono in:

Minimamente Mineralizzate - residuo fisso inferiore a 50 mg/l.
Sono acque che, essendo povere di sali minerali, favoriscono la diuresi e facilitano l’eliminazione di piccoli calcoli renali , l'eliminazione dell'acido urico e dei prodotti di rifiuto del metabolismo.. Sono indicate nelle diete iposodiche e per i bambini in età pediatrica.Dato il loro contenuto basso in Sali minerali  il loro assorbimento per via gastrica è rapidissimo.

Oligominerali - residuo fisso 50 - 500 mg/l.
Il
ridotto contenuto di sali minerali , di metalli pesanti e oligoelementi le rende ottime acque da tavola, adatte per un consumo quotidiano. Sono indicate per le diete iposodiche perché hanno un’azione diuretica.

Mediominerali - residuo fisso 500 - 1500 mg/l.
 Indicate per le persone con carenze di alcuni minerali e,  li.  . grazie al contenuto di bicarbonato, per chi ha difficoltà digestive.

Ricche di sali minerali - residuo fisso superiore a 1500 mg/l.
Sono molto ricche di sali, generalmente vengono utilizzate a scopo curativi, pertanto è opportuno che il loro consumo sia disposto su consiglio del medico. Consigliate principalmente per usi terapeutici, per l’elevata presenza di sodio, solfati, potassio, magnesio ed altri sali.

 

Le Acque Minerali

 

Le acque minerali per essere definite talidevono  aver  origine da una falda o un giacimento sotterraneo e devono provenire da una o più sorgenti naturali o perforate, devono inoltre avere delle caratteristiche igieniche particolari ed effetti positivi sulla salute”.

Le acque minerali naturali sono acque di sorgente, cioè provenienti dall'interno della terra e che affiorano alla superficie per via naturale o per richiami artificialmente provocati. Naturalmente si tratta di sorgenti perenni, cioè che erogano costantemente acqua e che possano soprattutto venire adibite a scopi terapeutici.

Secondo l'uso corrente si possono chiamare acque minerali quelle acque che o per la quantità di corpi disciolti, o per la natura di essi, o per la temperatura che possiedono alla sorgente sono riconosciute adatte a scopi terapeutici

Esse si distinguono dalle ordinarie acque potabili per la purezza originaria e per la sua conservazione, per il tenore in minerali, oligoelementi o altri costituenti ed, eventualmente, per taluni loro effetti. L' acqua deve essere imbottigliata così come sgorga dalla sorgente o con l'aggiunta variabile di anidride carbonica sono quindi vietati altri trattamenti a parte la decantazione per eliminare composti come ferro e zolfo. L'acqua del rubinetto può, invece, aver subito trattamenti come: filtrazione, clorazione, prima di essere distribuita. Le caratteristiche di un' acqua minerale naturale devono essere valutate sul piano: geologico ed idrogeologico; organolettico, fisico, fisico-chimico e chimico; microbiologico e se necessario, farmacologico, clinico e fisiologico. La composizione, la temperatura e le altre caratteristiche essenziali delle acque minerali naturali debbono mantenersi costanti alla sorgente nell'ambito delle variazioni naturali, anche in seguito ad eventuali variazioni di portata.

Acqua minerale Bling H2O

 


BLING H2O


Gold Medal of Excellence Berkeley International water tasting awards


Naturale Residuo fisso 140 - Tennessee.


Prodotta in quantità limitata, in bottiglia satinata con tappo a sughero, e squisitamente decorata con cristalli Swarovski incastonati a mano. L'acqua viene imbottigliata all'origine nella fonte di Dandridge nel Tennessee, esente da sodio e nitrato,conquistando la medaglia d'Oro come miglior assaggio al Berkley Springs International Water Tasting Festival. Viene prodotta usando nove livelli di purificazione, includendo ozono e microfiltrazioni. L'acqua Bling H20 nasce dall'ispirazione di Kevin G.Boyd, produttore cinematografico di Hollywood, che durante un set di lavoro si è accorto dell'importanza che alcune persone attribuivano alla veste esterna della bottiglia, quasi fosse una parte della loro presentazione. Nasce quindi Bling H2o per definire questo status di una veste affascinante assieme ad un gusto eccellente. Strategicamente posizionato in un settore super lusso, adatto a rappresentazioni di moda o per incontri molto speciali..... già definito il "Cristal" delle bottiglie d'acqua. Quindi adesso la domanda è: "Do you Bling?"

L'acqua Bling H2O sono DA COLLEZIONE dovuta alla sua veste molto elegante.

Antonio Bottalico

 

Acqua Minerale

Credo che la maggior parte degli operatori di sala non conoscono il mondo complesso delle acque minerali,questo è il motivo per cui si continua a differenziare l'acqua in naturale o gasata. Torniamo sempre sullo stesso argomento che ho sempre sostenuto nei miei post pubblicati su questo sito disinformazione. Spesso ho sentito miei superiori dire un sacco di storie inventate per poter vendere una semplice acqua VOSS  o una BLISS senza dare spiegazioni tecniche essenziali per poterla degustare al meglio. Insomma esistono e dobbiamo convivere con queste realtà che invece di diminuire aumentano in modo esponenziale.

Caro Gennaro volevo ringraziarLa PER AVER INTRODOTTO UN ARGOMENTO  ESSENZIALE DEL MONDO GASTRONOMICO DOVE POTREMMO SVILUPPARLO CON LA MASSIMA CURA E INTERESSE SE TROVEREMO DEGLI INTERESSATI. Inoltre ho molto materiale da pubblicare a proposito del tema Acqua  fonte di vita, caratteristiche organolettiche, abbinamenti, classificazione, il mercato delle acque eschede tecniche di alcune tra le piu famose e pure acque minerali del mondo. Altro tema molto delicato può essere l'acqua osmotizzata.

Antonio Bottalico